MARIA ESPERANZA (1928-2004)

Modern day mystic and messenger of hope

Today I was privileged to visit the Sanctuary that was costructed by this great woman of God, that is, Collevarenza, Todi. 

With that, I can now speak with authority of what I learned from different authors and interviews that I had with the Sister living in the Sanctuary and Don Dominico (Arch-Priest of Fabro Scalo). In a special way I honor Michael H. Brown who help me understand most of the things I heard and saw because I had read his good work entitled “The Bridge to Heaven” which was an direct interview with Maria Esperanza of Betania in 2003.

Blessed Mary Hope was born in Barrancas in Venezuela on the feast of St Cecilia. Her mother Maria Filomena and father Aniceto Medrano named her Mary since she had prayed to Mary mother of God to help her get a child. She also named her Esperanza a Spanish name for Hope (Italian Speranza).

Like many other saints, she experienced ailments from time to time. When she was 12 years old, she had a pneumonic attack that could have killed her since the doctors were unable to treat her. She prayed to Mother Mary and she had a vision of this heavenly Mother and she got cured.

Her vocation can be attested by her love for dolls that represents her faith,that is, nuns and priests (like St Theresa of Lisieux).

One thing that touched me also, is her relationship with St. Theresa of Lisieux, my best saint. St. Therese promised to be plucking a rose flower to the one who ask of it from the heavenly garden. It is not known whether Maria Esperanza knew the prayer at that tender age of 5, but the truth is that she came into physical contact with this heavenly florist. She was bading farewell to her mother who was going for a trip and St. Therese appeared to her and gave her a red rose. She gave her mother and the mother was dumbfounded since where they were (Orinoco River) there were no flowers. She is also a person of roses since a story she narrates of her vision of Jesus who called her “My white rose of love.” With this vision of Jesus, she enters into a list of few saints who are said to have had a vision of Jesus – St. Anthony of Padova and St. Faustina.


She was also gifted in seeing the hearts of people (knowing what they have in their hearts), her friends and family members were healed when she prayed for them even cancer.

Jesus promised her sufferings and that is proven when she developed cancer.

Two days after celebrating the feast of St. Theresa of the Child Jesus (if at all she had already been canonized), that is, 3rd October 1954, she saw a vision of St. Theresa and gave her a rose flower but when she held it, it plicked her hand and she was ‘stigmatized’.  Theresa told her that her vocation is to become a wife. She left the Covent.


On 7th October the same year (1954) Mary appeared to her and told her to form a habit of recieving Communion daily, to fast, to pray, and make penance. It is at this time that it was revealed to her that she will bear 7 children of which Mary used the words “Six roses and a bud.” with her husband Geo Bianchini Gianni of whom had been revealed to her by John Bosco on the feast of All Saints in 1955. They did their wedding in one of the chapel inside St. Peter ‘s Basilica on the feast of Immaculate Conception in 1956.

This was a man who would later help her buy a land at Betania. The Virgin Mary appeared to her at Betanina and told her that she will be a messenger of reconciliation. 


She had many apparitions at Betania but on the feast of Announciation (March 25, 1984) she had seven successive apparitions that were witnessed by more than 108 people. These raised the antenna of the Church and led by Bishop Pio Bello, investigation began. Many people were also cured.

Being a liturgist,  I can’t forget to mention the Eucharistic miracles at Betania on December 8, 1991, when a Host began to bleed as the priest held it. This could not be doubted even by great critic theologian of the time and my learned friend now emiretus Benedictine XVI (who wanted nothing else than to be called Fr. Joseph Ratzinger). Pope John Paul II approved it.


The Santuario dell’Amore Misericordioso which was contructed by Madre Esperanza is the first santuario of Merciful love. When asked how she was able to construct that massive building and sanctuary in a span of 20 years only, she said, “From the maney contributed by the poor and the ideas of the rich.” This touched me since the parish I am assisting, christians do not want to here any contribution. I was preaching on Tuesday (6.7.2016) where the Gospel was the sending of the disciples and they were instructed to carry nothing for they will be provided for. One Christian rose and said, please the church has money don’t tell us that it need money. For sure I came to learn that that is one of the rich woman in the village.

I pray people could remain poor and generous rather than rich and poor in the heart.

Maria Esperanza also began priestly congregation though a woman and I am happy that Don Dominico (the one I mentioned above) is one of her product and a first hand person. She once felt uncapable of handling them but after prayers she was given a priest from the same first fruit of her formatee.

Her final joirney was in NJ hospital on 7th August, 2004 at at 4:36 a.m. She seem to have been invited to heaven by her co-sufferer John Paul II since she had Parkinson disease like him. After her death, beautiful rose scent was reported by many of her admirers including Don Dominico.


Blessed Maria Esperanza is on her way to beatificatification and I have a strong feeling that the long awaited miracle will be testified by me. I pray that that be true.

There are many miracles that some may call coincidences but for me are miracles. The Mass to begin her beatification process was celebrated in New Jersey on the feast of Don John Bosco (January 31, 2010) at the hour of Divine mercy (3:00 p.m) by a Polish bishop (Bishop Paul Bootkoski of the diocese of Metuchen, New Jersey) in another stigmatized saint (Cathedral of St. Francis of Assisi). 

She is already a Saint but as she was told by Mother Mary that “we are living the hour of decision for humanity” and so we have to wait for the decision of the big men in the church to pronounce her as saint.

(By they way, Madre Esperanza dint like the name Esperanza since the usage in Venezuela is negative. I will find more on this and share with you).

NB. I plan to take a month in the Santuario to learn more and to experience the long awaited miracle. Help me Mother Hope.

benjah

09.07.2016

15th Dominica tempo Ordinario – 10.07.2016

Deut 30.10-14; Col 1.15-20; Lk 10.25-37

Nel mio paese, c’erano due fratelli che vivono nella stessa azienda e che condividono la prodotti aziendali allo stesso modo. Uno era sposato e aveva figli. L’altro non era sposato. Un giorno, dopo il raccolto abbondante, il fratello sposato mentre nella sua casa ha iniziato a pensare e mi ha detto. “Non è giusto per me condividere il nostro raccolto altrettanto con mio fratello. Per quanto mi riguarda ho una famiglia e dei bambini a prendersi cura di me quando sarò grande vecchio, ma lui abete ha nessuno a prendersi cura di lui. Ha bisogno di più per salvare per il futuro. “ha diciso che a mezzanotte si andrà al suo negozio e prendere un po ‘di grano e prendere aI granaio del fratello senza sapere.

D’altra parte, il fratello non coniugato pensato allo stesso. Disse a se stesso: “Non è giusto per me di prendere parti uguali come mio fratello perché ha una famiglia e hanno bisogno di più.” Ha anche deciso di prendere un po ‘di cibo a mezzanotte e andare a mettere nel granaio di suo fratello.

A mezzanotte, ognuno svegliato e ha fatto quello che avevano previsto, ma qualcosa successe, si sono incontrati in mezzo alla strada e perché era buio, hanno urtato l’un l’altro e tutto cadde. Si rendono conto che cosa stavano facendo e da quel giorno quel luogo accidentalmente urtato sulla vicenda è stata costruita una chiesa chiamata chiesa di amore.


Non c’è nessun altro modo si può spiegare l’amore. Gesù disse amiamo Dio e amiamo il nostro prossimo. I dieci comandamenti che Mosè ci chiede di obbedire sono riassunti in due. I primi tre riguarda il rapporto tra Dio e l’uomo, gli altri sette è tra l’uomo e gli altri uomini. Se uno amore di Dio, adorerà solo Lui, onorerà il sabato e non usare il suo nome invano. Se uno ama il prossimo sia la madre o il padre o qualsiasi altra persona, li rispetta, non rubare da lui, non dire bugie contro di lui, non lei o la sua dignità ruberà ad avere piacere illegale, non ammirare il suo proprietà con cattive intenzioni e non ammirerà la moglie di suo marito con cattive intenzioni.

Ma chi è il prossimo, questo non è solo la persona che vive vicino a casa tua, ma tutta l’umanità. Siamo tutti vicini gli uni agli altri, siamo vicini a anche i musulmani. Siamo vicini a anche coloro che pianificare ed eseguire mali su di noi.

Impariamo buoni esempi di santi che vediamo in cui trattano i loro nemici con amore. Gesù sulla croce disse: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno!” S. Stefano ripetuto le stesse parole, recentemente il nostro amato Papa Giovanni Paolo II perdonò Acgar che gli ha sparato nel 1983. Questo è il quartiere. Preghiamo che attraverso Gesù Cristo possiamo sperimentare la vera perfezione.

Divina Misericordia della Santa Faustina vs Amore Misericordioso della Madre Speranza

According to Sr Faustina, the mercy of God begins from the resurrection. To her, it is after resurrection that the mercy of God was made clear. Even the image below shows the resurrected Jesus.

Novena della Divina misericordia




Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.


Primo giorno (Venerdì Santo)


Meditare su Gesù Crocifisso e sul valore delle anime (costano tutto il sangue di Gesù….)


Parole di nostro Signore: “Oggi portami l’umanità intera, specialmente tutti i peccatori, ed immergili nell’oceano della mia Misericordia. Così tu addolcirai la mia amarezza per la perdita delle anime”.


Chiediamo misericordia per l’umanità intera.


Misericordioso Gesù, poiché tua prerogativa è d’aver compassione di noi e di perdonarci, non guardare i nostri peccati, ma alla fiducia che nutriamo nella tua infinita bontà. Ricevi tutti nel tuo Cuore compassionevole e non respingere mai nessuno. Te lo chiediamo per l’amore che ti unisce al Padre ed allo Spirito santo.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, volgi il tuo sguardo di Misericordia sull’umanità intera, specialmente sui peccatori, la cui unica speranza è il Cuore pietoso di tuo Figlio. Per la sua dolorosa Passione, dimostra la tua Misericordia, affinché noi possiamo insieme eternamente lodare la tua potenza. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Secondo giorno (Sabato Santo)


Meditare su Gesù-Verbo e Gesù-Carne e sull’intima unione di amore tra noi e Dio.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime dei sacerdoti e dei consacrati ed immergile nella mia imperscrutabile Misericordia. Esse mi hanno dato la forza di sopportare la mia dolorosa Passione. Per mezzo di queste anime, come attraverso dei canali, la mia Misericordia si riversa sull’umanità”.


Preghiamo per il clero e per i consacrati.


Misericordiosissimo Gesù, fonte di ogni bene, moltiplica sui consacrati la grazia, affinché con la parola e l’esempio compiano degnamente le opere di misericordia, in modo che tutti coloro che li vedono glorifichino il Padre che è nei cieli.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, dà uno sguardo compassionevole agli eletti della tua vigna, i sacerdoti ed i religiosi, colmandoli della pienezza della tua benedizione. Per i sentimenti del Cuore di tuo Figlio concedi loro luce e forza, affinché possano condurre gli uomini sulla via della salvezza e glorificare per sempre con loro la tua Misericordia infinita. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Terzo giorno (Domenica di Pasqua)


Meditare sulla grande manifestazione della Divina Misericordia: il dono pasquale del


Sacramento della Penitenza che, nell’azione liberatrice dello Spirito Santo, reca risurrezione e pace ai nostri spiriti.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami tutte le anime fedeli e pie; immergile nell’oceano della mia Misericordia. Queste anime mi hanno confortato sulla via del Calvario; esse erano una goccia di consolazione in mezzo ad un oceano di amarezze”.


Preghiamo per tutti i cristiani fedeli.


Misericordiosissimo Gesù, che concedi abbondantemente le tue grazie a tutti gli uomini, accogli nel tuo Cuore infinitamente buono tutti i cristiani fedeli e non permettere che ne escano mai più. Te lo chiediamo per il tuo profondo amore verso il Padre Celeste.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, volgi uno sguardo compassionevole alle anime fedeli, eredità del Figlio tuo; per i meriti della sua dolorosa Passione, concedi loro la tua benedizione e proteggile sempre, affinché non perdano l’amore e il tesoro della santa fede, ma lodino con tutta la schiera degli Angeli e dei Santi per l’eternità la tua infinita Misericordia. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Quarto giorno (Lunedì in Albis)


Meditare sulla Paternità di Dio, sulla confidenza ed il pieno abbandono che dobbiamo avere in Lui sempre e dovunque.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami quelli che non mi conoscono ancora. Anche ad essi ho pensato nella mia amara Passione e il loro futuro zelo confortava il mio Cuore. Immergili ora nell’oceano della mia Misericordia”.


Preghiamo per i pagani e gli increduli


Misericordiosissimo Gesù, tu che sei la luce del mondo, accogli nella dimora del tuo Cuore pietoso le anime di coloro che non ti hanno ancora conosciuto; siano illuminati dai raggi della tua grazia, affinché glorifichino con noi i prodigi della tua Misericordia.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, dà uno sguardo compassionevole alle anime dei pagani e degli increduli, perché Gesù tiene anch’essi nel suo Cuore. Portale alla luce del Vangelo: che capiscano quanto grande è la felicita di amarti; fa’ che tutte glorifichino eternamente la generosità della tua Misericordia. Amen


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Quinto giorno (Martedì in Albis)


Meditare sulle parabole del buon Pastore e dei pastori infedeli (cfr. Gv. 10,11-16; Ez 34,4.16), mettendo in risalto la responsabilità che tutti abbiamo verso il prossimo vicino e lontano; in più soffermarsi a considerare attentamente gli episodi del rinnegamento e della conversione di S. Pietro (cfr. Mt 26,6975; Lc 22,31-32), dell’adultera (cfr. Gv 8,111) e della peccatrice (cfr. Lc 7,30-50).


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime dei fratelli separati, immergile nell’oceano della mia Misericordia. Sono quelle che nella mia amara agonia laceravano il mio Corpo ed il mio Cuore, cioè la Chiesa. Quando si riconcilieranno con la mia Chiesa, si rimargineranno le mie ferite e avrò sollievo nella mia Passione”.


Preghiamo per quelli che s’ingannano nella fede


Misericordiosissimo Gesù, che sei la Bontà stessa e non rifiuti mai la tua luce a chi la chiede, accogli nella dimora del tuo Cuore pietoso le anime dei nostri fratelli separati. Attirale con il tuo splendore all’unità della Chiesa e non permettere che ne escano mai più, ma adorino anch’esse la generosità della tua Misericordia.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, dà uno sguardo compassionevole alle anime degli eretici e degli apostati che, perseverando ostinatamente nei loro errori, hanno sprecato i tuoi doni ed abusato della tua grazia. Non guardare la loro cattiveria, ma l’amore di tuo Figlio e i dolori della Passione che Egli accettò per loro. Fa’ si che ritrovino al più presto l’unità e che, insieme a noi, esaltino la tua Misericordia. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Sesto giorno (Mercoledì in Albis)


Meditare su Gesù bambino e sulle virtù della mitezza e dell’umiltà di cuore (cfr. Mt 11,29), sulla dolcezza di Gesù (cfr. Mt 12,1521) e sull’episodio dei figli di Zaccheo (cfr. Mt 20,20-28; 18,1-15; Lc 9,46-48).


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime miti ed umili e quelle dei fanciulli: immergile nell’oceano della mia Misericordia. Somigliano di più al mio Cuore, e sono esse che mi davano forza nella mia dolorosa agonia. Le ho viste allora come degli angeli terrestri, vigilanti sui miei altari. Sopra di loro verso i fiumi delle mie grazie, poiché soltanto un’anima umile, in cui metto tutta la mia fiducia, è capace di accettare i miei doni”.


Preghiamo per i fanciulli e le anime umili


Misericordiosissimo Gesù, che hai detto: “Imparate da me, che sono mite ed umile di Cuore” (Mt 11,29), ricevi nella dimora del tuo Cuore pietoso le anime miti ed umili e quelle dei fanciulli. Poiché danno gioia al Cielo, esse sono fatte segno dell’affetto speciale del Padre Celeste: sono un mazzo di fiori profumati davanti al trono divino, dove Dio si compiace del profumo delle loro virtù. Concedi loro la grazia di lodare perennemente l’Amore e la Misericordia di Dio


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, dà uno sguardo compassionevole alle anime miti ed umili e a quelle dei fanciulli che sono particolarmente care al Cuore del Figlio tuo. Nessuna anima assomiglia più di loro a Gesù; il loro profumo si alza dalla terra per giungere al tuo trono. Padre di Misericordia e di Bontà, per l’amore che porti a queste anime e per la gioia che provi nel guardarle, ti supplichiamo di benedire il mondo intero, affinché noi possiamo glorificare eternamente la tua Misericordia. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Settimo giorno (Giovedì in Albis)


Meditare sul S. Cuore di Gesù e sull’immagine di Gesù Misericordioso, sui due fasci di luce bianca e rossa, simbolo di purificazione, di perdono e di sollievo spirituale.


Inoltre riflettere attentamente sulla tipica caratteristica messianica di Cristo: la Divina Misericordia (cfr. Lc 4,16-21; 7,18-23; Is 42,1-7; 61,1-6.10), soffermandoci sulle opere di misericordia spirituale e corporale ed in particolare sullo spirito di disponibilità verso il prossimo comunque bisognoso.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime che onorano e glorificano particolarmente la mia Misericordia. Sono anime che più di ogni altra hanno partecipato alla mia Passione e penetrano più profondamente nel mio Spirito, trasformandosi in copie viventi del mio Cuore Misericordioso.


Esse splenderanno nella vita futura di un particolare fulgore, e nessuna di loro cadrà nel fuoco dell’inferno; ciascuna avrà la mia assistenza all’ora della morte”.


Preghiamo per quelli che venerano la Divina Misericordia e diffondono la sua devozione.


Misericordiosissimo Gesù, il tuo Cuore è Amore; accogli in esso le anime che onorano e diffondono in modo speciale la grandezza della tua Misericordia. Dotate della potenza stessa di Dio, sempre fiduciose nella tua imperscrutabile Misericordia e abbandonate alla santa volontà di Dio, esse portano sulle loro spalle l’intera umanità, ottenendo continuamente per essa dal Padre Celeste perdono e grazie. Che esse perseverino fino alla fine nel loro zelo iniziale; nell’ora della morte non venire loro incontro da Giudice, ma da Redentore Misericordioso.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, volgi uno sguardo di benevolenza sulle anime che adorano e glorificano specialmente il tuo principale attributo: l’infinita Misericordia. Rinchiuse nel Cuore Misericordioso di tuo Figlio, queste anime sono come un Vangelo vivo: le loro mani sono piene di atti di misericordia e la loro anima esultante canta l’inno della tua gloria. Noi ti preghiamo, Dio benigno, di manifestare loro la tua Misericordia secondo la speranza e la fiducia che hanno riposto in te, affinché così si adempia la promessa di Gesù, cioè che proteggerà durante la vita e nell’ora della morte chiunque adorerà e propagherà il mistero della tua Misericordia”. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Ottavo giorno (Venerdì in Albis)


Meditare sulle parabole della Divina Misericordia (cfr. Lc 10,29-37;15,11-32;15,1-10) puntualizzando sia il sollievo della sofferenza verso i vivi e i defunti, come anche la promozione integrale dell’uomo e la necessità di avvicinare i lontani.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime che si trovano nel Purgatorio ed immergile nell’abisso della mia Misericordia, affinché gli zampilli del mio sangue ristorino la loro arsura. Tutte queste povere anime sono da me immensamente amate; esse soddisfano la Giustizia Divina. È in tuo potere portar loro sollievo offrendo tutte le indulgenze e le offerte espiatorie prese dal tesoro della mia Chiesa. Se tu conoscessi il loro tormento, non smetteresti di offrire l’elemosina delle tue preghiere e di pagare i debiti che esse hanno contratto con la mia Giustizia”.


Preghiamo per le anime del Purgatorio.


Misericordiosissimo Gesù, che hai detto: “Misericordia io voglio” (Mt 9,13), accogli, ti preghiamo, nella dimora del tuo Cuore infinitamente pietoso le anime del Purgatorio, che ti sono molto care, ma che devono tuttavia soddisfare alla Giustizia Divina. I torrenti di sangue e di acqua, che sgorgano dal tuo Cuore, spengano le fiamme del fuoco del Purgatorio, affinché anche là si manifesti la potenza della tua Misericordia.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, dà uno sguardo compassionevole alle anime che soffrono nel Purgatorio. Per i meriti della dolorosa Passione di tuo Figlio e per l’amarezza che riempì il suo Cuore sacratissimo abbi pietà di quanti si trovano sotto lo sguardo della tua Giustizia.


Ti chiediamo di guardare queste anime solo attraverso le Piaghe del tuo Figlio prediletto, perché siamo convinti che la tua Bontà e Misericordia non hanno limiti. Amen.


Segue coroncina alla Divina Misericordia


Nono giorno (Sabato in Albis)


Meditare sulla Madonna ed in particolare sull’Ecce, Fiat, Magnificat e Adveniat, caratteristiche indispensabili per vivere un’autentica vita sacerdotale, tutta amore verso Dio e prestazione misericordiosa verso il prossimo, comunque bisognoso.


Parole di nostro Signore: “Oggi portami le anime tiepide e immergile nell’oceano della mia Misericordia. Sono esse che feriscono il mio Cuore nella maniera più dolorosa. Nell’Orto degli ulivi la mia anima provo verso di loro una grande avversione. Fu per causa loro che pronunciai quelle parole: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà” (Lc 22,42). Il ricorso alla mia Misericordia resta per loro l’ultima ancora di salvezza”.


Preghiamo per le anime tiepide


Misericordiosissimo Gesù, che sei la Bontà stessa, accogli nella dimora del tuo Cuore le anime tiepide. Fa’ che si riscaldino al fuoco del tuo puro Amore queste anime gelide, che sono simili a cadaveri e ti ispirano tanta avversione. Gesù pietosissimo usa l’onnipotenza della tua Misericordia e attirale nelle fiamme più ardenti del tuo Amore, affinché, accese di nuovo zelo, siano esse pure al tuo servizio.


Pater… Ave… Gloria…


Eterno Padre, guarda con occhio pietoso le anime tiepide che sono oggetto d’amore del Cuore di tuo Figlio. Padre di Misericordia, per i meriti della dolorosa Passione di tuo Figlio e delle tre ore di agonia sulla Croce, permetti che, accese d’amore, esse glorifichino di nuovo la grandezza della tua Misericordia. Amen.


Preghiamo: O Dio, infinitamente pietoso, moltiplica in noi l’azione della tua Misericordia, affinché nelle prove della vita non disperiamo, ma ci conformiamo con una fiducia sempre più grande alla tua santa Volontà e al tuo Amore. Per nostro Signore Gesù Cristo, Re di Misericordia nei secoli. Amen. 
Thus, the novena of Divine mercy begins on Good Friday and ends on Divine mercy sunday.

On the other hand, according to Maria Josefa Alhama Valera (Madre Speranza), the mercy of God was shown when Jesus while dying on the cross said, “Father, forgive them for they do not know what they are doing.”. The image below is clear.

The novena of Merciful love of God begins nine days before Good Friday and ends on Good Friday.

Novena dell’Amore Misericordioso » MADRE SPERANZA » Novena all’Amor Misericordioso



PRIMO GIORNO

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo

Preghiera introduttiva (per tutti i giorni

Gesù mio, grande è il mio dolore considerando la disgrazia che ho avuto di offenderti tante volte: Tu invece, con cuore di Padre, non solo mi hai perdonato ma con le tue parole: “domandate ed otterrete” mi inviti a chiederti quanto mi è necessario. Pieno di fiducia ricorro al tuo Amore Misericordioso, affinché mi conceda ciò che imploro in questa novena e soprattutto la grazia di cambiare la mia condotta e d’ora innanzi di testimoniare la mia fede con le opere, vivendo secondo i tuoi precetti, e di ardere nel fuoco della tua carità.

Meditazione sulle prime parole del Padre nostro.

Padre. E’ il titolo che conviene a Dio, perché a Lui dobbiamo quanto è in noi nell’ordine della natura e in quello soprannaturale della grazia che ci fa suoi figli adottivi. Vuole che lo chiamiamo Padre perché, come figli, lo amiamo, gli obbediamo e lo onoriamo, e per ravvivare in noi l’amore e la fiducia di ottenere quanto gli domandiamo. Nostro perché avendo Dio un solo Figlio naturale, nella sua infinita carità ne volle avere molti adottivi ai quali comunicare le sue ricchezze e perché, avendo tutti lo stesso Padre ed essendo fratelli, ci amassimo gli uni gli altri

Domanda (per tutti i giorni)

Gesù mio, a te ricorro in questa tribolazione. Se tu vuoi usare la tua clemenza con questa misera creatura tua, trionfi la tua bontà. Per il tuo amore e la tua misericordia perdona le mie colpe, e anche se indegno di ottenere ciò che ti domando, esaudisci pienamente i miei desideri se è per la tua gloria e per il bene della mia anima. Nelle tue mani mi abbandono: fa’ di me ciò che a te è gradito

(Chiediamo la grazia che desideriamo ottenere con questa novena)

Preghier

Gesù mio, sii per me Padre, custode e guida nel mio pellegrinaggio affinché nulla mi turbi e non sbagli il cammino che conduce a Te. E tu, Madre mia, che con tanta delicatezza e premura ti sei presa cura del buon Gesù, educami e aiutami nel compimento del mio dovere, conducendomi per i sentieri dei comandamenti. Dì per me a Gesù:”Ricevi questo figlio, te lo raccomando con tutta l’insistenza del mio cuore materno”

Tre Pater, Ave e Gloria.

SECONDO GIORN

Preghiera introduttiva (come il primo giorno

Meditazione sulle parole del Padre Nostro: “Che sei nei cieli”. Diciamo che sei nei cieli perché, pur essendo Dio in ogni luogo come Signore del cielo e della terra, il pensiero del cielo ci muova ad amarlo con più venerazione e, vivendo in questa vita come pellegrini, ad aspirare alle cose celesti

Domanda (come il primo giorno)

Preghiera

Gesù mio, so che tu rialzi i caduti, liberi dal carcere i prigionieri, non respingi nessun afflitto e guardi con amore e misericordia tutti i bisognosi. Perciò ascoltami, ti prego, perché ho bisogno di parlare con te della salvezza della mia anima e di ricevere i tuoi salutari consigli. Mi spaventano i miei peccati, Gesù mio, mi vergogno delle mie ingratitudini e delle mie diffidenze. Ho gran timore del tempo che tu mi hai dato per fare il bene e che io, invece, ho speso male e, peggio ancora, offendendoti

A te ricorro, Signore, che hai parole di vita eterna

Tre Pater, Ave e Gloria

TERZO GIORN

Preghiera introduttiva (come il primo giorno)

Meditazione sulle parole del Padre nostro :”Sia santificato il tuo nome”. E’ questa la prima cosa che dobbiamo desiderare, la prima cosa che dobbiamo chiedere nell’orazione, l’intenzione che deve orientare tutte le nostre opere ed azioni: che Dio sia conosciuto, amato, servito e adorato e che al suo potere si sottometta ogni creatura

Domanda (come il primo giorno)

Preghiera

Gesù mio, aprimi le porte della tua pietà, imprimi in me il sigillo della tua sapienza, fa’ che mi veda libero da ogni affetto illecito e che ti serva con amore, gioia e sincerità. Confortato col profumo soave della tua divina parola e dei tuoi comandamenti, possa progredire sempre nelle virtù.

Tre Pater, Ave e Gloria

QUARTO GIORNO

Preghiera introduttiva (come il primo giorno

Meditazione sulle parole del Padre nostro:”Venga il tuo regno”

In questa domanda chiediamo che venga in  noi il regno della sua grazia e dei favori del cielo, che è il regno dei giusti, e il regno della gloria dove Egli regna in perfetta comunione coi Beati. Perciò chiediamo anche la fine del regno del peccato, del demonio e delle tenebre.

Domanda (come il primo giorno)

Preghiera

Signore, abbi misericordia di me e rendi il mio cuore simile al tuo. Abbi misericordia di me, Dio mio, e liberami da tutto ciò che mi impedisce di giungere a te e fa’ che nell’ora della morta non oda una sentenza terribile, ma le salutari parole della tua voce: “Vieni, benedetto dal Padre mio” e la mia anima gioisca alla vista del tuo volto

Tre Pater, Ave e Gloria

QUINTO GIORNO

Preghiera introduttiva (come il primo giorno

Meditazione sulle parole del Padre nostro:”Sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra”. Qui chiediamo che la volontà di Dio si faccia in tutte le creature con fortezza e perseveranza, con purezza e perfezione, e chiediamo di compierla noi stessi, in qualsiasi modo e per qualunque via si venga a conoscere.

Domanda (come il primo giorno)

Preghiera

Dammi, Gesù mio, una fede viva, fa’ che io osservi fedelmente i tuoi divini comandamenti e che, col cuore pieno del tuo amore e della tua carità, corra sulla via dei tuoi precetti. Fammi gustare la soavità del tuo spirito ed avere fame di compiere la tua divina volontà, perché sempre ti sia accetto e gradito il mio povero servizio.

Mi benedica,Gesù mio, l’Onnipotenza del Padre. Mi benedica la tua Sapienza. Mi dia la sua benedizione la benignissima Carità dello Spirito Santo e mi custodisca per la vita eterna

Tre Pater, Ave e Gloria.

SESTO GIORNO

Preghiera introduttiva (come il primo giorno

Meditazione sulle parole del Padre nostro: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Qui chiediamo il pane eccellentissimo che è il SS. Sacramento; l’alimento ordinario dell’anima nostra, che è la grazia, i sacramenti e le ispirazioni del cielo. Chiediamo anche l’alimento necessario per conservare la vita del corpo, da procurarsi con moderazione..

Chiamiamo nostro il Pane eucaristico perché è istituito per il nostro bisogno e perché il nostro Redentore dà se stesso a noi nella Comunione. Diciamo quotidiano per esprimere la dipendenza ordinaria che abbiamo da Dio in tutto, corpo e anima, ogni ora e ogni momento. Dicendo dacci oggi, compiamo un atto di carità, chiedendo per tutti gli uomini senza l’affanno del domani.

Domanda (come il primo giorno

Preghiera

Gesù mio, tu che sei fonte di vita, dammi da bere l’acqua viva che sgorga da te stesso perché, gustando di te, non abbia più sete che di te; annegami tutto nell’abisso del tuo amore e della tua misericordia e rinnovami col tuo preziosissimo sangue, con il quale mi hai riscattato. Lavami, con l’acqua del tuo santissimo costato, da tutte le macchie con le quali ho contaminato la bella veste dell’innocenza che mi hai dato nel battesimo. Riempimi, Gesù mio, del tuo santo Spirito e rendimi puro di corpo e di anima.

Tre Pater, Ave e Gloria.

SETTIMO GIORNO

Preghiera introduttiva (come il primo giorno)

Meditazione sulle parole del Padre nostro: “Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. Chiediamo a Dio di perdonare i nostri debiti, cioè i peccati e la pena meritata per essi; pena enorme che mai potremmo pagare se non col sangue del buon Gesù, con i talenti di grazia e di natura che abbiamo ricevuti da Dio e con tutto ciò che siamo e possediamo. In questa domanda ci impegniamo a perdonare al nostro prossimo i debiti che ha con noi, senza vendicarci, anzi dimenticando le ingiurie e le offese che ci ha fatto. Così Dio mette nelle nostre mani il giudizio che si farà di noi, perché se perdoniamo ci perdonerà, ma se non perdoniamo agli altri, Egli non ci perdonerà

Domanda (come il primo giorno

Preghiera

Gesù mio, so che tu chiami tutti senza eccezione; abiti negli umili, ami chi ti ama, giudichi la causa del povero, hai pietà di tutti e nulla disprezzi di quanto il tuo potere ha creato; dissimuli le mancanze degli uomini, li attendi a penitenza e ricevi il peccatore con amore e misericordia. Apri anche a me, Signore, la sorgente della vita, concedimi il perdono e annienta in me tutto ciò che si oppone alla tua legge divina.

Tre Pater, Ave e Gloria

OTTAVO GIORNO

Preghiera introduttiva ( come il primo giorno)

Meditazione sulle parole del Padre nostro: “Non ci indurre in tentazione”. Nel chiedere al Signore che non ci lasci cadere nella tentazione, riconosciamo che Egli permette la tentazione per il nostro bene, la nostra debolezza per vincerla, la fortezza divina per la nostra vittoria. Riconosciamo che il Signore non nega la sua grazia a chi fa da parte sua quanto è necessario per vincere i nostri potenti nemici

Chiedendo che non ci lasci cadere nella tentazione domandiamo di non contrarre nuovi debiti oltre quelli già contratti

Domanda (come il primo giorno

Preghiera Gesù mio, sii protezione e conforto all’anima mia; sii mia difesa contro ogni tentazione e coprimi con lo scudo della tua verità. Sii il mio compagno e la mia speranza; difesa e riparo contro tutti i pericoli dell’anima e del corpo. Guidami nel vasto mare di questo mondo e degnati di consolarmi in questa tribolazione. Mi serva di porto sicurissimo l’abisso del tuo amore e della tua misericordia, così potrò vedermi libero dalle insidie del demonio

Tre Pater, Ave e Gloria

NONO GIORNO

Preghiera introduttiva ( Come il primo giorno

Meditazione sulle parole del Padre nostro: “ Ma liberaci dal male”. Chiediamo che Dio ci liberi da ogni male, cioè dai mali dell’anima e da quelli del corpo, da quelli eterni e da quelli temporali; dai passati, dai presenti e dai futuri; dai peccati, dai vizi, dalle passioni disordinate, dalle cattive inclinazioni e dallo spirito di ira e di superbia.

Lo chiediamo dicendo Amen con intensità, affetto e fiducia, poiché Dio vuole e comanda che chiediamo così

Domanda (come il primo giorno)

Preghiera

Gesù mio, lavami con il Sangue del tuo divino costato e fammi tornare puro alla vita della tua grazia. Entra, Signore, nella mia povera stanza e riposa con me, accompagnami nel pericoloso cammino che percorro affinché non mi perda. Sostieni Signore la debolezza del mio spirito e consola le angustie del mio cuore, dicendomi che per la tua misericordia non lascerai di amrmi un solo momento e che sarai sempre con me.

Tre Pater, Ave e Gloria.

St. Elizabeth of Portugal 

Profile

Princess, the daughter of King Andrew of Hungary. Great-aunt of Saint Elizabeth of Portugal. She married Prince Louis of Thuringa at age 13. Built a hospital at the foot of the mountain on which her castle stood; tended to the sick herself. Her family and courtiers opposed this, but she insisted she could only follow Christ’s teachings, not theirs. Once when she was taking food to the poor and sick, Prince Louis stopped her and looked under her mantle to see what she was carrying; the food had been miraculously changed to roses. Upon the death of Louis, Elizabeth sold all that she had, and worked to support her four children. Her gifts of bread to the poor, and of a large gift of grain to a famine stricken Germany, led to her patronage of bakers and related fields. 

Born

1207 at Presburg, Hungary
Died

 1231 at Marburg, Germany of natural causes her relics, including her skull wearing a gold crown she had worn in life, are preserved at the convent of Saint Elizabeth in Vienna, Austria.

Canonized

    27 May 1235 by Pope Gregory IX at Perugia, Italy

Patronage

    against in-law problems

    against the death of children

    against toothache

    bakers

    beggars

    brides

    charitable societies

    charitable workers

    charities

    countesses

    exiles

    falsely accused people

    hoboes

    homeless people

    hospitals

    lacemakers

    lace workers

    nursing homes

    nursing services

    people in exile

    people ridiculed for their piety

    tertiaries

    tramps

    widows

    —

    Sisters of Mercy

    Teutonic Knights

    —

    Erfurt, Germany, diocese of

    Jaro, Philippines, archdiocese of jalžabet, Croatia

Representation

– woman wearing a crown and tending to beggars

– woman wearing a crown, carrying a load of roses in her apron or mantle.

Saint Elizabeth of Hungary

Tempus est….

«Tempus est (si sic Factóri meo vidétur) ut revértar ad eum qui me fecit, qui me creávit, qui me, quando non eram, ex níhilo formávit. Multum tempus vixi, bene mihi pius iudex vitam meam prævídit; tempus resolutiónis meæ instat, quia cúpio dissólvi et esse cum Christo; étenim ánima mea desíderat regem meum Christum in decóre suo vidére»