Little Flower’s Reflection

(Lv 19, 1-2. 11-18;Matteo25.31-46)

​Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno


Ieri Gesù detto “Vatene Satana!” Oggi è per coloro che segue Satana.

“Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno”: è parola che nessun uomo dovrebbe mai sentire. Se uno sulla terra dovesse sopportare un solo ergastolo di un milione di anni luce, oppure per un milione di anni luce dovesse ogni giorno essere crocifisso, dinanzi all’eternità dell’inferno è un niente. Potremmo dire che non vi è neanche confronto possibile. Da una parte abbiamo il tempo che è finito. Dall’altra abbiamo l’eternità che mai finisce. Immaginiamoci per un istante su una croce di fuoco, inchiodati su di essa con chiodi di fuoco, dissetati con acqua di fuoco, alzati su un Golgota di fuoco, e tutto questo per l’eternità, senza neanche un attimo di tregua, avremmo solo una pallida figura di cosa sia l’inferno eterno.

Eppure la maggior parte degli uomini finisce in questo luogo di tormento eterno per mancanza di fede. Oggi la percentuale di quanti finiscono dentro si è accresciuta a dismisura a causa della cattiva profezia che ha annunziato la sua non esistenza. Questa cattiva, malvagia, falsa profezia non è il frutto di menti che non conoscono Cristo Gesù. È la parola di illustri, riveriti, osannati, celebrati, maestri nella stessa Chiesa, professori e formatori di coscienze. Tra la parola di Cristo e quella degli uomini, io ho deciso di scegliere quella di Cristo. So che Cristo è morto per me sulla croce di legno del tempo perché io non finissi nella croce di fuoco dell’eternità. Di Lui mi posso fidare. Degli osannati maestri degli uomini non mi fido, perché essi non sono morti per me, anzi mi illudono, mi confondono, mi insegnano cose contrarie alla stessa parola di Gesù Signore. O crediamo nella parola di Gesù, o la fede non ha alcun valore. Se l’inferno è vuoto, Cristo è falso. Se Cristo è vero, l’inferno è pieno.

Cristo Gesù ci offre una regola facilissima per evitare di finire sulla croce di fuoco, con i chiodi di fuoco per l’eternità. Basta che noi vediamo in ogni povero Lui. A Lui offriamo il nostro aiuto secondo quello che possiamo. Basta spezzare con Lui anche un pezzo di pane duro, ammuffito, condividendolo. Quello che mangiamo noi lo mangia Lui e ciò che beviamo noi lo beve Lui. Questa regola va osservata. Se voi vestiamo “elegante”, anche Cristo deve vestire elegante. La condivisione è d’obbligo. Non è condivisione se noi vestiamo eleganti e a Lui diamo stracci. Se noi beviamo champagne anche Lui deve bere champagne. Non possiamo noi bere del Krug e a Lui dare acqua da rubinetto. Lui condivide con noi il suo Paradiso e noi con Lui il nostro piccolo o grande paradiso. Non possiamo goderci il nostro paradiso e a Lui dare gli scarti.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci di vera condivisione.

San. Teresina di Gesù Bambino, prega per noi 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s